Navigazione

Per il bene delle api

Le api impollinano numerose specie di piante. Di conseguenza, sono molto importanti per l’uomo e per una natura variegata. Il numero di colonie d’api è in calo a livello mondiale. Per questo motivo, da alcuni anni la Migros si impegna a favore della protezione delle api, sensibilizzando al contempo la popolazione.

Api

Negli ultimi decenni si sono osservate sensibili diminuzioni di api mellifere e api selvatiche in tutto il mondo. Dal 1985 la perdita corrisponde al 25%. Nel nostro paese, circa il 13% delle piante coltivate, come ad esempio molte varietà di frutta, verdura ed erbe aromatiche, beneficiano dell’impollinazione da parte di insetti. Senza le api non ci viene a mancare solo il miele: a causa del loro ruolo decisivo per l’ecosistema di impollinatrici delle piante, l’agricoltura è a rischio. È per questo che la protezione e la promozione delle api sta tanto a cuore alla Migros, che realizza quindi vari progetti e mette in atto misure per il bene delle api.

Rinuncia ai principi attivi

La riduzione delle colonie di api è dovuta a diversi fattori e si suppone che le varie cause si rafforzino a vicenda. Gli esperti partono dal presupposto che le sostanze chimiche contenute nei prodotti fitosanitari siano parzialmente responsabili della moria di api, in particolare quando non vengono utilizzati correttamente. Il rapporto «Bye bye Biene?» di Greenpeace del 2013 cita sette principi attivi critici presenti in fitosanitari e insetticidi che andrebbero possibilmente sostituiti a causa della loro pericolosità per le api. Greenpeace ha individuato alcune sostanze attive che possono essere nocive per le api anche in caso di esposizione indiretta e non solo di esposizione diretta. Ciò significa che tali sostanze rappresentano un pericolo per le api anche se utilizzate correttamente. Tra gli effetti osservati in questo contesto vi sono una maggiore mortalità e disturbi dello sviluppo delle larve. La Migros ha preso molto sul serio questa problematica. In passato la Migros deteneva in assortimento 10 prodotti che includevano tali sostanze attive. Oggi questi prodotti sono stati interamente liquidati o adeguati.  

Gli agricoltori IP-Suisse, che forniscono prodotti alla Migros con il marchio TerraSuisse, per le loro colture rinunciano completamente all’impiego delle sette sostanze identificate da Greenpeace come nocive per la salute delle api (cfr, studio Bye Bye Biene?). La Migros si è impegnata in modo determinante affinché questo cambiamento venisse integrato nelle direttive sulla coltivazione.

Creazione di spazi vitali

Attualmente in Svizzera vivono circa 165'000 colonie di api, il che corrisponde a una media di 4 colonie per chilometro quadrato. Per poter sopravvivere, le api e gli altri insetti hanno bisogno di una grande varietà di fiori e di luoghi di nidificazione. In collaborazione con gli agricoltori IP-Suisse, tra il 2010 e il 2013 la Migros ha raddoppiato gli habitat ricchi di specie sui terreni gestiti dalle aziende IP-Suisse. Alla fine del 2017, la Migros aveva creato sulle proprie aree aziendali 2,84 milioni di metri quadrati di spazio vitale in sintonia con la natura per piante e animali, un fattore essenziale anche per le api. Le superfici aziendali in sintonia con la natura sono certificate dalla fondazione Natura & Economia.

Diverse Cooperative accudiscono arnie con colonie d’api sui tetti piani delle proprie filiali, raccolgono il miele e in alcuni casi conducono ricerche a scopi scientifici. Già dal 2010, sul tetto piano del centro commerciale della Migros MParc La Praille a Ginevra-Carouge, ogni anno vengono posizionate due o tre arnie. All’inizio dell’estate ogni arnia ospita dalle 40’000 alle 60’000 api. 
Dalla primavera del 2017 anche sul tetto della Federazione delle Cooperative Migros alla Limmatplatz sono presenti otto colonie di api. Il miele, prodotto dalle 240’000 api, può essere acquistato nel ristorante interno dai collaboratori, che vengono così sensibilizzati su questo tema.

Il gruppo Migros sostiene progetti a favore delle api

In Svizzera l’apicoltura è praticata da circa 17'500 persone soprattutto come hobby. L’Associazione degli amici delle api svizzero tedeschi e romanci (VDRB) dal novembre del 2014 offre il primo corso per apicoltori con attestato professionale federale. Il corso a struttura modulare unisce teoria e pratica e dura in tutto 27 giorni, distribuiti sull’arco di tre anni. Fino a metà 2017, il fondo di sostegno Engagement Migros ha supportato questo progetto in modo sostanziale, affinché il programma di formazione continua potesse essere costituito in tempi brevi.

Parallelamente, Engagement Migros rende possibile un progetto di documentazione che raccoglie sistematicamente le nozioni pratiche sulla salute delle api, le rielabora e le mette a disposizione di tutti coloro che proteggono l’habitat delle api selvatiche e mellifere. Il sito bienenzukunft.ch è stato attivato nel 2016 in collaborazione con partner in ambito scientifico e pratico.

Vater mit Kind auf den Schultern

Tutte le promesse relative a biodiversité

Potrebbe interessarti anche