Navigazione

Stato della promessa: relativa alle banane sostenibili

Inizio della promessa:
2016

Anno fissato:
Fine 2017

Valore obiettivo:
Assortimento di banane sostenibile al 100%

  • Migros Bio
  • Fairtrade Max Havelaar
  • progetto pilota WWF
  • Rainforest Alliance (assortimento a basso prezzo: banane M-Budget)
  • Mini banane Max Havelaar 

Indicatore e unità di misura:
Percentuale di cifra d’affari con banane che soddisfano le direttive sulla sostenibilità (vedi sopra) in percentuale.

Campo di applicazione:
Supermercati e ipermercati Migros 

Intervallo di controlling:
Semestrale, prima verifica dei progressi il 31.12.2016

Non per caso la banana è il frutto più amato in Svizzera. Perfettamente racchiusa, è un frutto sano e persino piacevole alla vista. Affinché possa essere consumata con la coscienza tranquilla, la Migros, in collaborazione con il WWF, ha messo a punto 300 misure per una coltivazione ancor più ecologica e socialmente sostenibile delle banane. Questo progetto pilota, che sarà attuato entro fine 2017 in Colombia e in Ecuador, fa parte della promessa di Generazione-M: “Promettiamo che entro fine 2017 tutte le nostre banane proverranno da coltivazioni sostenibili.”

Qui scopri cosa significa per te la nostra promessa e trovi una panoramica esaustiva dei vari punti:

Riguardo alla promessa

Promettiamo che entro fine del 2017 tutte le nostre banane proverranno da coltivazioni sostenibili.

Stato della promessa non ancora verificato.

Semestrale, prima verifica dei progressi il 31.12.2016

La coltivazione di banane non conforme alle direttive bio o Fairtrade Max Havelaar comporta problemi ecologici e sociali. Pertanto la Migros finora ha assicurato i requisiti minimi di sostenibilità con lo standard “Rainforest Alliance”. Adesso però fa un grande passo avanti con un progetto pionieristico: aziende colombiane ed ecuadoriane produttrici di banane, accuratamente selezionate e certificate secondo i requisiti “Rainforest-Alliance” dovranno rispettare altre 300 misure ecologiche e sociali. Entro fine 2017 i requisiti più severi messi a punto dal WWF dovranno essere soddisfatti. Poiché l’attuazione di dette misure è molto impegnativa, i produttori beneficiano della competente consulenza di esperti del WWF e le aziende vengono controllate più volte all’anno da auditor indipendenti.

Misure ecologiche e sociali

Le 300 misure ecologiche e sociali riguardano i seguenti sette temi: 

  • Ecosistemi / Biodiversità: tutela della biodiversità di piante e animali come pure degli interi ecosistemi. Collegamento dei diversi spazi vitali all’interno delle aziende e tra diverse aziende. Conversione in tutte le piantagioni di zone tampone coltivate in boschi e fiumi.
  • Gestione dei rifiuti: migliore gestione dei rifiuti, stoccaggio, smaltimento e trasporto inclusi
  • Protezione integrata delle piante: impiego più responsabile e quindi possibilmente ridotto al minimo di prodotti fitosanitari
  • Gestione del suolo: analisi dei suoli per ottenere miglioramenti in termini di qualità, percentuale di materiale organico e struttura del suolo.
  • Protezione del clima: analisi delle emissioni di gas serra per dedurre misure volte alla loro riduzione.
  • Gestione dell’acqua: gestione più responsabile dell'acqua e delle acque reflue. Dialogo con altri utenti del servizio idrico a livello regionale (Water Stewardship).
  • Temi sociali: ottimizzazione delle condizioni di lavoro, della sicurezza sul lavoro, della tutela della salute e dell’uguaglianza di genere, ecc.

Nel trasporto delle banane la Migros svolge già da anni un ruolo pionieristico grazie al sistema di contenitori riutilizzabili di plastica. Le palette di plastica infatti, a differenza delle scatole di cartone, sono riutilizzabili. Ogni anno si riescono a risparmiare così più di un milione di scatole di banane e risorse naturali. La riduzione di emissioni di CO2 corrisponde a circa 400 voli di andata e ritorno da Zurigo alla Nuova Zelanda.

Più prestazioni allo stesso prezzo: le banane del progetto pilota del WWF prodotte in conformità allo standard di sostenibilità più severo non saranno però più costose per i consumatori.

Maggiori informazioni sul progetto sono reperibili su www.migros.ch/banana