Navigazione

Promettiamo di ridurre del 10% l’impatto ambientale complessivo degli imballaggi dei 250 prodotti più venduti entro il 2013.

Promessa non mantenuta.

Imballaggio ridotto

Alla Migros non basta che un imballaggio sia stabile, attraente e facilmente trasportabile. Deve essere anche il più possibile ecologico. Concretamente la Migros intende migliorare del dieci percento il bilancio ecologico dei suoi prodotti più venduti entro due anni.

31.12.2012

La Migros ha ridotto del 7% l’impatto ambientale complessivo degli imballaggi dei 250 prodotti più venduti. Due motivi hanno impedito di sfruttare il potenziale del 10% stimato in origine: alcune ottimizzazioni utili sotto il profilo ecologico avrebbero avuto conseguenza negative sulla qualità o sull’attrattività degli imballaggi dal punto di vista della clientela. Al contempo il potenziale di miglioramento di numerosi prodotti era già pienamente sfruttato, il che è un bene.

Nel 2012 la Migros ha pertanto ottimizzato gli imballaggi di altri prodotti meno venduti. Il risultato è più che soddisfacente: negli ultimi due anni la Migros ha risparmiato un totale di 1360 t di materiale d’imballaggio, utilizzato 1300 t di materiali riciclati e convertito 3780 t di imballaggi in carta e cartone tradizionali con materiale FSC.

Naturalmente la Migros continuerà a lavorare all’ottimizzazione dei propri imballaggi. Nei prossimi anni l’obiettivo è un'ulteriore riduzione della quantità di imballaggi e la sostituzione, nell’ambito delle industrie Migros, dei tradizionali imballaggi in carta e cartone con materiali derivanti dal riciclo o certificati FSC.

Senza imballaggi non si può stare. Hanno diverse funzioni tra le quali proteggere il prodotto, offrire una buona presentazione e un semplice trasporto nonché trasmettere informazioni. Inoltre, l'imballaggio deve naturalmente essere conveniente.

Carta e cartone in qualità FSC

La Migros va un passo avanti: intende rendere i suoi imballaggi il più ecologici possibile. Per il suo obiettivo concreto di ridurre entro il 2013 del dieci percento il carico ambientale degli imballaggi dei suoi prodotti più venduti, la Migros punta su diverse soluzioni. Ad esempio sull'impiego di carta e cartone da selvicoltura sostenibile o la rinuncia agli imballaggi doppi. Per gli imballaggi in PET e cartone aumenta la percentuale di materiale riciclato.

Piccolo cambiamento, grande risparmio

Una grande sfida è lo sviluppo di involucri sempre più sottili ma comunque stabili. Grazie alla buona ricerca oggi si possono ad esempio utilizzare pellicole più sottili per la finestra dei sacchetti per il pane. Il cliente non vede il cambiamento dell'imballaggio, dato che la pellicola sembra uguale. Ma Jowa, l'affiliata di Migros, ha bisogno ogni anno di 120 milioni di sacchetti per il pane. Grazie all'impiego della pellicola più sottile ogni anno si risparmiano 18 tonnellate di polipropilene.

Non si temono gli oneri

La cura dimagrante degli imballaggi è spesso abbinata a oneri ingenti. Prima che ad esempio i nuovi sacchetti sottili per il pane giungano nei negozi, sono stati sottoposti a diverse verifiche per accertarsi che siano resistenti come i modelli precedenti. Anche le pizze fresche sono già in commercio con involucri più sottili, per i quali è stato necessario acquistare una nuova macchina di imballaggio. Ma ogni imballaggio snellito apporta un minore consumo di materie prime ed energia, alleviando così l'ambiente.

Potrebbe interessarti anche