Navigazione

Infografica Api

L’ape mellifera è il più piccolo tra gli animali da reddito del nostro paese. Impollina l’ottanta percento delle piante utili. Senza api non riusciremmo a produrre più né frutta né verdura. Dalla fine degli anni Novanta gli apicoltori segnalano, sia negli Stati Uniti che in Europa, una brusca riduzione delle loro popolazioni di api. La Svizzera non è da meno: normalmente solo l’80% della popolazione delle api sopravvive all’inverno. Nel 2012 un’ape su due è morta. Le cause sono molteplici.

L’ape mellifera è il più piccolo tra gli animali da reddito del nostro paese. Impollina l’ottanta percento delle piante utili. Senza api non riusciremmo a produrre più né frutta né verdura. Dalla fine degli anni Novanta gli apicoltori segnalano, sia negli Stati Uniti che in Europa, una brusca riduzione delle loro popolazioni di api. La Svizzera non è da meno: normalmente solo l’80% della popolazione delle api sopravvive all’inverno. Nel 2012 un’ape su due è morta. Le cause sono molteplici.

  • Monocolture. Le api hanno bisogno tutto l’anno di foraggio. Le monocolture producono «buchi» stagionali nel loro approvvigionamento.
  • Pesticidi. Proprio le monocolture sono più soggette all’attacco dei parassiti. Ne consegue l’uso intensivo di pesticidi tossici, estremamente dannoso per le api.
  • L’acaro Varroa. Il più grande parassita delle api attacca le covate e indebolisce le larve. È inoltre trasmettitore di virus.

Le conseguenze sono gravissime. La carenza di api in Svizzera costringe gli agricoltori a impollinare autonomamente molte piante, sprecando soldi e tempo. La quantità delle colture e la varietà di molti frutti (mele, pere e fragole) stanno già progressivamente diminuendo. I nostri prati sono sempre meno fioriti e, non da ultimo, finiremo per dover rinunciare a pane e miele a colazione. Per questo motivo, nel 2013 la Svizzera ha bandito tre agenti chimici ritenuti dannosi per le api. In più la Migros ha deciso, di propria iniziativa, di ritirare dall’assortimento o sostituire entro la fine del 2014 quattro principi attivi presenti nell’assortimento e giudicati pericolosi da Greenpeace. Ma ognuno di noi, nel suo piccolo, può contribuire alla battaglia per proteggere le api:

  • Più i balconi e i giardini sono vari, più favoriscono le api.
  • Le piante appassite non vanno mai potate in autunno: diventano un rifugio ideale per le api selvatiche nei mesi invernali.
  • I fiori selvatici sono la prima fonte di nettare per le api.
  • Non usare pesticidi. Gli antiparassitari naturali (come quelli della linea Migros Bio Garden) proteggono le piante senza danneggiare le api.
  • Preferire l’acquisto di generi alimentari e prodotti per il giardinaggio contrassegnati dalle etichette TerraSuisse, Migros Bio e Migros Bio Garden.
  • Scegliendo il miele svizzero si aiutano gli apicoltori locali e si protegge la biodiversità sul territorio nazionale.

Potrebbe interessarti anche