Navigazione

Informazioni sugli imballaggi

INFORMAZIONI RIPORTATE SUGLI IMBALLAGGI

Che cosa deve figurare su un imballaggio e cosa significa? Abbiamo raccolto per te e spiegato le principali informazioni e il relativo significato.

Ruotami!
fronte sinistra dietro destra disopra parte inferiore
quantità Pittogramma relativo all’energia quantità Codice a barre MIGROSdata Denominazione specifica quantità ingredienti Valori nutrizionali quantità Numero d’articolo Indirizzo Paese di produzione La data di scadenza
↑ → ↓ ←
  • Numero d’articolo

    Ogni prodotto della Migros è dotato di un numero d’articolo a 7 o 10 cifre posizionato direttamente al di sotto del logo Migros. Il numero d’articolo consente di individuare con certezza qualsiasi prodotto della Migros.

  • Codice a barre

    A ogni prodotto è applicato un codice a barre con numero identificativo (EAN o GTIN), necessario per la registrazione elettronica della merce. EAN è l'acronimo di European Article Number, mentre GTIN significa Global Trade Item Number.

  • Indirizzo

    Su ogni prodotto deve essere riportato almeno un indirizzo che indichi nome e sede della società che produce, importa, confeziona o vende il prodotto.

  • Paese di produzione

    Il paese di produzione deve essere indicato almeno in una lingua ufficiale. Sui prodotti Migros questa informazione è di norma riportata in francese (“Elaboré en Suisse“). Una derrata alimentare è considerata prodotta in Svizzera se è stata fabbricata interamente in Svizzera (per esempio pomodori svizzeri), oppure sufficientemente elaborata o trasformata in Svizzera da ottenere in Svizzera le sue proprietà caratteristiche o una nuova denominazione specifica.

  • Indicazione delle quantità

    La quantità (peso oppure volume) deve essere indicata in modo preciso: non vi possono figurare espressioni come «circa». Nel caso di certe conserve (per esempio i fagioli in salsa) si deve indicare il peso sgocciolato. A volte prima dell’indicazione della quantità è stampata una piccola e. stilizzata. In Svizzera questo requisito non è obbligatorio: significa che le quantità rispettano le disposizioni previste dalla direttive dell’UE in materia di imballaggi.

  • pittogramma relativo all’energia

    Nel pittogramma relativo all’energia viene riportata la percentuale di fabbisogno energetico giornaliero di una persona adulta che assume 1 porzione del prodotto in questione.
    Una normale donna adulta con attività prevalentemente sedentaria necessita di ca 2000 calorie al giorno (corrispondente a 8400 kilojoule). Ma il fabbisogno energetico può essere inferiore o sensibilmente superiore in funzione di età, sesso o attività fisica (per esempio sul posto di lavoro, nello sport praticato nel tempo libero).

    Il contenuto energetico del prodotto è indicato in kilojoule (kJ) e in calorie (kcal), e ciò non solo per porzione, bensì anche per 100 g (o 100 ml).

  • MIGROSdata & conservazione

    Per quanto riguarda la data di scadenza, si opera una distinzione tra alimenti che si conservano e alimenti facilmente deperibili.

    Gli alimenti del primo gruppo sono quelli che si possono conservare non refrigerati o surgelati e sui quali è riportato un termine minimo di conservazione: «da consumare preferibilmente entro il»

    Gli alimenti facilmente deperibili devono essere conservati refrigerati e hanno una data di scadenza: «da consumare entro il …».

    Termine minimo di conservazione

    Il termine minimo di conservazione è la data entro la quale un alimento – conservato in determinate condizioni – mantiene le sue proprietà quali sapore, aspetto o consistenza. Il rispetto del termine minimo di conservazione garantisce una qualità ottimale. Il termine minimo di conservazione stampato è una raccomandazione: nel caso di un periodo maggiore di conservazione è possibile che sorgano problemi di qualità.

    La data di scadenza

    La data di scadenza è indicata per tutelare la salute. È la data entro la quale un alimento è ancora commestibile, a condizione che il prodotto sia conservato a una temperatura sufficientemente fredda.

    Dopo la data di scadenza, l’alimento non deve più essere in vendita. Dopo la sua scadenza si verificano infatti – più o meno rapidamente a seconda del prodotto – modifiche che comportano un pericolo per la salute. Per questo è sconsigliabile consumare prodotti oltre la data di scadenza.

  • Data di scadenza

    Nel caso di alimenti refrigerati e congelati si deve riportare un’informazione relativa alla temperatura di conservazione.

    Per i prodotti che si possono conservare normalmente questo requisito non è obbligatorio. Pertanto, a volte si trovano informazioni utili al riguardo come “Conservare in luogo asciutto”.

  • Denominazione specifica

    Con la denominazione specifica si indicano, con la massima precisione possibile e in conformità della normativa sulle derrate alimentari, il prodotto e le materie prime usate per realizzarlo.

  • L’elenco degli ingredienti

    Nel caso di alimenti composti, si devono indicare tutti gli ingredienti e additivi, inserendoli in ordine decrescente sulla base della quantità. Questo consente di valutare quale sia il tenore di un ingrediente nel prodotto.

    Gli additivi possono essere indicati con il loro numero E (per esempio E322) oppure con la singola denominazione (per esempio lecitina). Conformemente alla loro funzione, di norma vengono attribuiti a un gruppo (per esempio emulsionanti).

    I principali componenti allergenici devono sempre essere dichiarati nell’elenco degli ingredienti.

Valori nutrizionali

Le informazioni sui valori nutrizionali vengono riportate, ove possibile, in forma di tabella. I valori nutrizionali non vengono indicati soltanto per 100 g (o 100 ml), ma anche per porzione. In questo modo è possibile verificare quale percentuale del fabbisogno giornaliero di una persona adulta media viene coperto da 1 porzione.

Fabbisogno per porzione Valori nutritivi per pezzo Valori nutritivi per 100g Energia Proteine Grassi Carboidrati Fibre alimentari Sale da cucina Fabbisogno per porzione Fabbisogno per porzione Valori nutritivi pro Stück Valori nutritivi pro Stück Energia Fett Carboidrati Fibre alimentari Proteine Sale da cucina Valori nutritivi pro 100g Cliccare qui!
  • Fabbisogno per porzione

    Le percentuali indicano che cosa significa il consumo di una porzione di prodotto ai fini della copertura del valore indicativo per l'apporto giornaliero. Per l’apporto giornaliero vengono utilizzati valori indicativi, ossia le cosiddette "assunzione di riferimento", basati su un’alimentazione di 2000 calorie (corrispondente a 8400 kilojoule), che equivale al fabbisogno medio di un adulto. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero può ovviamente essere inferiore o maggiore in funzione di fattori quali età, sesso, attività fisica ecc.

  • Valori nutritivi per porzione

    I valori nutrizionali per porzione completano le indicazioni dei valori nutrizionali per 100 g. Forniscono informazioni sul contenuto di energia (espresso in kJ e kcal), grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, fibre alimentari, proteine e sale per porzione del prodotto in questione.

    Le indicazioni in porzioni sono utili e facilmente comprensibili. Per lo più è indicata la quantità media normalmente consumata da una persona adulta. Le indicazioni in porzioni hanno valore rappresentativo e non vanno intese come consiglio alimentare. Nel limite del possibile vengono espresse in cucchiai, al pezzo, per bicchiere, per porzione, ecc. e anche in g / ml. Viene inoltre indicato il numero di porzioni contenute in una confezione.

  • Valori nutritivi per 100g

    I valori nutrizionali per 100 g (o 100 ml) vengono indicati praticamente su tutti i prodotti. Forniscono informazioni sul contenuto di energia (espresso in kJ e kcal), grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, fibre alimentari, proteine e sale per 100 g (o 100 ml ) del prodotto in questione.

    Per spezie, erbe aromatiche, sale da cucina, aceto, caffè, tè, tisane alle erbe e acqua minerale non viene riportata alcuna indicazione dei valori nutrizionali, in quanto apportano solo quantità ridotte di calorie e sostanze nutritive.

  • Energia

    Una normale donna adulta con attività prevalentemente sedentaria necessita di ca. 2000 calorie al giorno (corrispondente a 8400 kilojoule). Ma il fabbisogno energetico può essere inferiore o sensibilmente superiore in funzione di età, sesso o attività fisica (per esempio sul posto di lavoro, nello sport praticato nel tempo libero).

    La tabella sui valori nutrizionali indica l'energia espressa in calorie e kilojoule contenuta nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

  • Carboidrati

    I carboidrati, ossia amidi e zuccheri, sono la nostra principale fonte di energia. Vengono forniti soprattutto da alimenti di origine vegetale quali cereali, patate o frutta. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di carboidrati è di 260 g, il che significa che tale quantità è adeguata per un adulto medio. Tuttavia, a seconda del consumo di energia personale sul lavoro o nel tempo libero, la quantità può variare ed essere inferiore o superiore a tale valore.

    La tabella sui valori nutrizionali indica i carboidrati contenuti nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

    Il termine “zuccheri” non comprende soltanto gli zuccheri aggiunti (per esempio sotto forma di zucchero cristallizzato o sciroppo di glucosio), ma anche i tipi di zucchero contenuti naturalmente in determinati ingredienti (come il lattosio, lo zucchero d’uva e il fruttosio ecc.).

    Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di zuccheri è di 90 g. Questo significa che un adulto medio non dovrebbe assumerne più di 90 g al giorno. Non oltre la metà di questi zuccheri dovrebbe provenire da zucchero cristallizzato o altro zucchero aggiunto, ossia una quantità di circa 11 o 12 zollette. Almeno la metà dovrebbe provenire da ingredienti naturali, come la frutta o il latte.

    La tabella sui valori nutrizionali indica gli zuccheri contenuti nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

  • Grassi

    I grassi sono una fonte di energia importante e preziosa, ma anche molto concentrata. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di grassi saturi (definito "assunzione di riferimento") è di 70 g. Questo significa che un adulto medio non dovrebbe assumerne più di 70 g al giorno.

    La tabella sui valori nutrizionali indica i grassi contenuti nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

    Rispetto agli acidi grassi insaturi, gli acidi grassi saturi non sono indispensabili o particolarmente preziosi. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di acidi grassi saturi è di 20 g. Questo significa che un adulto medio non dovrebbe assumerne più di 20 g al giorno. La tabella sui valori nutrizionali indica gli acidi grassi saturi contenuti nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

  • Proteine

    Le proteine sono fondamentali per la struttura e il mantenimento del corpo. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di proteine è di 50 g, il che significa che un adulto medio dovrebbe assumerne questa quantità.

    La tabella sui valori nutrizionali indica le proteine contenute nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

  • Fibre alimentari

    Le fibre alimentari sono componenti nutritive non digeribili presenti prevalentemente in prodotti alimentari di origine vegetale poco lavorati. Svolgono un ruolo importante nell'intestino. Per le fibre alimentari non è previsto alcun preciso valore indicativo per l'apporto giornaliero, tuttavia si può definire auspicabile un'assunzione pari a 25 - 30 g.

    La tabella sui valori nutrizionali indica le fibre alimentari contenute nel prodotto.

  • Sale da cucina

    Il sale da cucina è un importante ingrediente per condire, ma è molto poco salutare. Il valore indicativo per l'apporto giornaliero di sale da cucina è di 6 g. Questo significa che un adulto medio non dovrebbe assumerne più di 6 g al giorno. La quantità corrisponde a circa un cucchiaino di tè.

    La tabella sui valori nutrizionali indica il sale contenuto nel prodotto e quale percentuale del valore indicativo per l'apporto giornaliero (denominato "assunzione di riferimento") viene coperta con 1 porzione del prodotto in questione.

Potrebbe interessarti anche